Nepenthes alata vs. Nepenthes ventrata




Quando qualcuno racconta di aver acquistato un Nepenthes alata, i più esperti del settore, pensano subito ad un errore di etichettatura, infatti nel 99% dai casi, se non addirittura il 100% dei casi, la pianta che è stata realmente acquistata altro non è che una Nepenthes x ventrara, specialmente se questa è stata acquistata in un garden o supermercato.
Questo perchè agli occhi dei meno esperti, la Nepenthes alata e la Nepenthes x ventrara appaiono pressochè identiche, sia nelle foglie che negli ascidi e quindi è molto facile confondersi e scambiare una per l'altra.
Per prima cosa iniziamo a dire che la Nepenthes alata (che attualmente prende il nome di Nepenthes graciliflora) è un genere puro e quindi molto difficile da reperire in commercio.
La Nepenthes x ventrara invece è un ibrido, risultante dall'incrocio tra l'originale Nepenthes alata e la Nepenthes ventricosa.
Vediamo allora quali sono le differenze che ci permettono di capire se ci troviamo dinnanzi ad una rara Nepenthes alata oppure al classico ibrido da garden Nepenthes x ventrara.

Lascidio:

Osservando l'ascidio, possiamo notare che per quanto riguarda la Nepenthes alata, le classiche "ali" sono decisamente accentuate e ben visibili, mentre sull'ascidio della Nepenthes x ventrara queste sono quasi inesistenti.



Il peristoma:

Nel peristoma troviamo la differenza più evidente e lampante tra le due piante.
Il peristoma della Nepenthes alata è liscio, stretto e regolare nella forma, mentre quello della Nepenthes ventarta è più largo, decisamente più disegnato con forme increspate... una caratteristica genetica ereditata dalla Nepenthes ventricosa.



L'opercolo:

Nella parte sottostante l'opercolo, in prossimità dell'attaccatura con il peristoma, la Nepentles alata presenta ben visibile una ghiandola nettarifera, una parte anatomica del tutto assente invece nell'opercolo della Nepentes ventrata.




L'ascella:

Come ultima differenza, possiamo prendere in considerazione le ascelle, ovvero la zona del fusto corrispondente al punto d'inserzione di ogni foglia.
Quasi sempre nella Nepenthes Alata assume una forma leggermente concava, come se tale forma servisse a raccogliere acqua, mentre nella Nepenthes ventrata questa zona è decisamente più piatta.



Tenedo presente le differenze viste, non dovremmo ora avere più dubbi nel capire se tra le mani abbiamo una Nepenthes alata o una Nepenthes x ventrara.
Voglio pubblicamente ringraziare Stefano C. Sciutto (Instagram @the_sly_weeds) che mi ha gentilmente concesso l'utilizzo delle sue fotografie relative alla Nepenthes alata, splendida pianta che purtroppo al momento della stesura di questa pagina non rientra tra quelle che coltivo.