La luce



Le piante producono il loro nutrimento mediante la fotosintesi clorofilliana.
Questo è un processo chimico mediante il quale la pianta produce ossigeno e glucosio mediante la reazione di sostanze organiche: l'acqua sotto forma liquida e l'anidride carbonica sotto forma di gas.
L’elemento basilare in grado di attivare tale processo è la luce.
Un ruolo fondamentale per la fotosintesi clorofilliana è svolto dai pigmenti della pianta.
Il più importante è la “Clorofilla A”, altri come la “Clorofilla B” e i Carotenoidi” appartengono alla classe dei “Pigmenti accessori”.
I pigmenti hanno il compito di assorbire lo spettro luminoso, ognuno di loro con una lunghezza d’onda diversa e ben precisa.
Come si nota nel disegno che segue, la “Clorofilla A” e la Clorofilla B” (i più importanti per la fotosintesi) raggiungono il loro picco massimo attorno ai 430nm (zona blu) e 660nm (zona rossa) i “Carotenoidi” assorbano invece lunghezze d’onda intermedie.




Dopo questa premessa, ci rendiamo conto di quanto sia importante la luce per tutti i vegetali.
Quando coltiviamo le nostre piante all’interno di terrari, la luce solare purtroppo viene a mancare e dobbiamo quindi sostituirla con lampade adeguate, capaci di creare uno spettro di luce ideale affinché le piante possano attuare correttamente la fotosintesi clorofilliana.
Nella scelta delle lampade, dobbiamo tener conto di alcune caratteristiche che normalmente sono riportate sulla lampada stessa o sulla sua confezione e sono:

Temperatura di colore:
è la temperatura alla quale un corpo nero emana luce colorata, viene misurata in Kelvin con la sigla K°.
Temperature di colore basse, producono luce "calda" che l'occhio umano percepisce come un colore rosato.
Temperature di colore alte, producono luce "fredda" che l'occhio umano percepisce come un colore azzurro.
Se ad esempio sulla lampada viene riportato la sigla "2700 K°" si tratta di una lampada a luce "calda", viceversa se la sigla riporta "6500 K°" si tratta di una lampada a luce "fredda".
Nella tabella che segue sono riportate alcune misure di K° corrispondenti ai colori emessi con quella temperatura.




Resa di colore:
indicata sulla confezione o sulla lampada con la sigla "RA" o "CRI", rappresenta la percentuale di colori che una lampada riesce a riprodurre.
Un valore di 100 equivale a dire che emette gli stessi colori della luce emessa dal sole; tanto più questo valore è basso, tanto più i colori emessi dalla lampada si scostano da quelli del sole.

A volte questi dati sono sostituiti sulle confezioni e sulle lampade con dei semplici numeri a tre cifre.
La prima indica la resa di colore, mentre le due successive la temperatura di colore.
Ad esempio se troviamo la sigla "865" indica: 8 = resa cromatica compresa tra 80 e 89 65 = temperatura di colore di 6500 K°
Ovviamente non esiste una configurazione standard di luci con le quali equipaggiare un terrario, questa dipenderà dal tipo di piante che si vuole coltivare.
In linea di massima rifacendoci alle frequenze d'onda ottimali che favoriscono la fotosintesi clorofilliana, possiamo ipotizzare che per coltivare in maniera buona una vasta gamma di piante, possiamo utilizzare per i nostri terrario una lampada a luce calda da 2500 K° ed una a luce fredda da 6400 K°.
Avendo spazio per una terza lampada, potremmo implementare le luci già presenti con una lampada con un K° compreso tra 3000 e 5000 in modo da avere un maggior spettro di luce.
Per equipaggiare i terrari, possono essere utilizzati i classici neon che però sono molto ingombranti e necessitano di particolari e costosi sistemi di accensione, o delle semplice lampade a risparmio energetico, poco ingombranti ed soprattutto economiche.


Anche le lampade e i pannelli a Led sono adatte per illuminare limitati spazi di coltivazione, germinazione e fioritura; poiche’, a differenza delle tradizionali lampade, non emettono calore, possono essere sistemate anche a pochi centimetri sopra le piante.
Non richiedono alimentatori e assicurano un’alta efficienza energetica, sono decisamente robuste è particolarmente resistenti ad alte percentuali di umidità;
Queste lampade a LED forniscono alle piante tutto ciò di cui hanno bisogno a livello di illuminazione, la fresca luce blu che stimola la crescita vegetativa e la luce rossa che stimola invece la fioritura.




Resa di colore: