Trappola a colla


Alcune specie di piante carnivore per catturare le loro prede utilizzano le trappole a colla.
Sulle loro foglie, crescono dei peli unicellulari alle cui estremitą, sono situate delle ghiandole collose che secernano un liquido viscoso utilizzate dalla pianta per catturare le prede e digerirle per poi assimilarne le parti azotate.

Peli con gocce viscose


Questi tipi di trappole, si dividono in due categorie: con ghiandole visibili e con ghiandole invisibili.
Il funzionamento č identico, quello che le differenzia, č appunto la dimensione di queste ghiandole.
Le ghiandole visibili, appartengono alle specie Drosera, Byblis, Drosophyllum e Ruridula, mentre quelle invisibili ad occhio nudo le troviamo nelle Pinguicule.


La Drosera




Per approfondire l'argomento sul funzioneamento della trappola di questa specie carnivora, fare riferiemnto alla sezione "La Drosera - La trappola".


La Pinguicola


Questa particolare pianta carnivora possiede due tipi di ghiandole che secernano il liquido vischioso, quelle peduncolate, visibili ad occhio nudo e quelle sessili, praticamente invisibili.
Entrambi i tipi di ghiandole, sono disposti su tutta la superficie della lamina fogliare.




Per approfondire l'argomento sul funzioneamento della trappola di questa specie carnivora, fare riferiemnto alla sezione "La Pinguicula - La trappola".